Noi non sappiamo nulla di ciò che accadrà in futuro, se non con l’analogia dell’esperienza.

I princìpi più importanti possono e devono essere inflessibili.