in ,

“Fratellastri, come ho scoperto di essere il figlio di Domenico Modugno”

È un pomeriggio dell’estate 1987, quando Fabio Camilli scopre di essere figlio del cautautore Domenico Modugno. “Una rivelazione, uno choc, ma anche un inaspettato segreto di Pulcinella”, scrive in “Fratellastri”, il libro autobiografico edito da Mondadori.

“L’inizio di un viaggio alla scoperta di ipocrisie e di amori segreti guidati dai passi di danza di una femme fatale, la madre dai capelli rossi, una brava coreografa e ballerina. Maurizia Calì, di cui il latin lover Modugno s’innamora perdutamente. Il loro incontro è fatale. Mimmo si è sposato da poco con Franca Gandolfi, che aspetta un figlio. È nel pieno del successo”. Ma Maurizia colpisce Modugno e tra i due nasce una storia segreta: la coppia riesce a schivare i media, a nascondere la vita privata di Mimmo perfino alla stampa, che aveva tutti gli occhi puntati su di lui dopo la rivelazione del ’58 con “Nel blu dipinto di blu” (che lo rese il primo cantautore della storia del Festival di Sanremo). E, sempre nel segreto, nel 1962 nasce il figlio Fabio. Domenico non è l’unico a portare avanti una relazione extraconiugale: anche Maurizia è la moglie di un altro. E siamo negli anni Sessanta di un paese cattolico, bigotto, ipocrita.

Come anticipa la presentazione del libro Fratellastri: “Sullo sfondo del teatro Sistina e della commedia musicale di Garinei e Giovannini” (dove Maurizia è ballerina e coreografa), questo è “il racconto di una famiglia disfunzionale, il rapporto terribile con l’altro padre, un’amicizia tra due ragazzi che si rivela un legame di sangue, perché Marcello, uno dei figli di Modugno, è il migliore amico di Fabio”. E poi, ovviamente, “la speranza di un domani condiviso e di un affetto che si trasforma in una causa giudiziaria durata vent’anni“. E che è ormai tristemente nota a tutti.

Fabio Camilli, diventato infine Fabio Modugno, non ha mai incontrato suo padre biologico. La sentenza definitiva, che lo ha riconosciuto legalmente come quarto figlio del cantante, è arrivata troppo tardi. “Le domande che avrei voluto fargli sono rimaste senza risposta”, ha raccontato in un’intervista.

Fabio Modugno
Fratellastri. Come ho scoperto di essere il figlio di Domenico Modugno
Mondadori

“Un cuore da campione”, l’incredibile storia dell’inventore delle Paralimpiadi

Sulla strada per Babilonia: la magnifica storia di Robert Koldewey