in ,

“Il tribunale della storia. Processo alle falsificazioni”

Studiare la storia, anzi ristudiarla, per avere uno sguardo critico sul presente, per capire dove sta il vero e dove il falso. Il processo a personaggi diversi, di epoche differenti che finiscono sul banco degli imputati per dare al lettore di oggi la ricostruzione di interrogativi e risposte possibili, è l’argomento dell’ultimo libro di Paolo Mieli, “Il tribunale della storia. Processo alle falsificazioni” (Rizzoli).

Viviamo tempi di cancellature, riscritture e revisioni, di riconsiderazione degli eventi e dei fenomeni della storia che hanno portato, in anni recenti, a prese di posizione e dichiarazioni epocali: capi di governo che si scusano in nome del proprio Paese per torti od omissioni, per il ruolo svolto dai loro Stati in vicende più o meno lontane. È quindi un elemento di scottante attualità che accende la scintilla di questo libro: accostare nell’aula del “tribunale della storia” le tesi dell’accusa, le arringhe della difesa, i controinterrogatori degli imputati per acquisire nuovi elementi di conoscenza e di giudizio. Tenendo sempre presente che, come scrive lo stesso Paolo Mieli, “le pubbliche scuse non equivalgono a sentenze definitive. Sono prese d’atto di una modificata percezione delle vicende del passato. Altre ne verranno”.

Il processo, dunque, è più sui temi che sulle persone. Imputati finiscono, tra gli altri, Fidel Castro, Mussolini, Vittorio Emanuele III, Eleanor Roosevelt, Caterina di Russia, Filippo IV, e persino Gesù di Nazareth. Mieli riesce, con la brillantezza del grande divulgatore e l’acume dell’attento osservatore dei nostri giorni, a spiegare in cosa consista l’applicazione di un metodo “giudiziario”. per una rivisitazione dei fatti e delle figure della storia. “A patto che, beninteso, tale metodo sia utilizzato in modo comprovatamente onesto. In caso contrario, tutto sarà stato inutile”.

Il vero processo, dunque, necessario e prezioso, è quello contro ogni tipo di falsificazione. Ed è “il risultato del lavoro del tribunale della storia, tribunale che nell’era dell’informazione diffusa è sempre riunito. In seduta permanente”.

Paolo Mieli
Il tribunale della storia. Processo alle falsificazioni
Rizzoli, 2021

Trova il pappagallo verde, solo per attenti osservatori

“Il nuovo Regno”, l’ultimo libro di Wilbur Smith ambientato nel cuore dell’Egitto