“L’aver pazienza” richiede la stessa immobile attesa dell’intrecciare dei rami.

Sono solo, in compagnia di altri soli.