in ,

“Sepolcro in agguato”: ecco il nuovo noir di J.K. Rowling

Il rinomato investigatore privato Cormoran Strike fa il suo atteso ritorno nelle librerie italiane con “Sepolcro in agguato”, l’ultimo capitolo del coinvolgente noir firmato da J.K. Rowling sotto lo pseudonimo di Robert Galbraith. Pubblicato il 20 febbraio, il romanzo è già tra i più venduti, promettendo di rapire i lettori in un vortice di suspense e mistero.

La trama vede i due soci dell’agenzia Strike ed Ellacott alle prese con un nuovo caso dai risvolti oscuri. Sir Colin Edensor chiede il loro aiuto per liberare il figlio Will da una setta che lo ha plagiato, conducendoli così nel mondo contorto della Universal Humanitarian Church. Ciò che sembrava essere un tentativo di migliorare il mondo si rivela presto un’intricata rete di manipolazioni, morti sospette e vendette oscure.

Tuttavia, “Sepolcro in agguato” non è soltanto un giallo avvincente. Come già nelle opere precedenti della serie, Rowling (o Galbraith) dimostra di saper mescolare abilmente gli elementi del crime con una profonda caratterizzazione dei personaggi e una narrazione che va oltre i confini del genere.

Innanzitutto, la lunghezza del romanzo, oltre mille pagine, è un segnale chiaro: qui non ci troviamo di fronte al solito noir che si risolve in poche centinaia di pagine. “Sepolcro in agguato” è un’immersione totale nel mondo di Strike e Robin, dove il mistero del caso da risolvere si intreccia con le loro vite personali e con le relazioni che li legano.

Leggi anche: Tutte le novità in uscita nel mese di marzo

Parlando di personaggi, Cormoran Strike è un uomo dalle molte sfaccettature, con un passato segnato da tragedie e un presente fatto di determinazione e astuzia. La sua compagna Robin Ellacott, d’altra parte, è una figura altrettanto complessa, con un trauma personale che l’ha resa più forte e resiliente.

Il rapporto tra i due protagonisti è uno degli elementi centrali della serie e anche in “Sepolcro in agguato” viene esplorato in profondità. L’amicizia, la complicità e forse qualcosa di più, si intrecciano in un delicato equilibrio che viene messo alla prova dalle circostanze del caso e dai fantasmi del passato.

Inoltre, il romanzo si distingue per l’attenzione ai dettagli e per l’analisi psicologica dei personaggi, che aggiunge un livello di profondità e complessità alla trama. Ci sono momenti di suspense e azione, ma c’è anche spazio per la riflessione e per esplorare temi più ampi, come il potere delle sette e le conseguenze della manipolazione psicologica.

In definitiva, “Sepolcro in agguato” è molto più di un semplice giallo. È un viaggio emozionante nel cuore oscuro dell’animo umano, guidato da due protagonisti indimenticabili e da una scrittura avvincente. Con questo ultimo capitolo della serie, J.K. Rowling conferma ancora una volta il suo talento nel creare storie che catturano l’immaginazione dei lettori e li tengono incollati alle pagine fino all’ultima parola.

“Cara Giulia”: il libro su Giulia Cecchettin per combattere la violenza di genere

“Quando muori resta a me”: ecco tutto ciò che c’è da sapere sul nuovo libro di Zerocalcare