Ed è l’orgoglio che ci frega, questa guerra a distanza per vedere chi abbassa prima la testa e tira fuori i sentimenti con un po’ di coraggio e senza vergogna.

E chi ti perde è evidente che non sa cosa si perde.