in ,

“Una stagione di retorica”: contraddizioni tra realtà e menzogna

Il grande ritorno, assai atteso, di Edoardo Albinati. Il vincitore del Premio Strega con “La scuola cattolica” nel 2016 torna in libreria con “Velo pietoso. Una stagione di retorica” (Rizzoli). Appunti sul presente che ne mettono in luce contraddizioni tra la realtà e l’immagine menzognera e falsa che se ne vuole dare.

Quando ascolta o legge cose scontate, ridicole o semplicemente assurde, ognuno di noi è tentato di segnarsele e al tempo stesso di archiviarle in fretta, stendendoci sopra un “velo pietoso”. Nella primavera del 2021, Albinati ha fatto entrambe le cose: invece che tapparsele, ha tenuto le orecchie bene aperte registrando le sparate, i rumori di fondo, i discorsi ingannevoli o deliranti, le frasi fatte, i miraggi, le parole d’ordine che caratterizzano quest’epoca sommersa dalla retorica. Perché è la retorica il male che affligge a ogni livello il nostro Paese: minacciosa o patetica, contamina ogni discorso, lo gonfia e lo trascina il più possibile lontano dalla realtà.

Mescolati con l’ironia pungente di un pamphlet, brandelli di tv, giornali, libri, pubblicità e cronaca politica si alternano a brevi racconti esemplari e riflessioni sul parlare e sullo scrivere, schegge di bellezza e verità che ci permettono di muoverci dall’abulia e andare avanti. Il risultato di questa “stagione in ascolto” è un diario amaro e divertente, da consumare tutto d’un fiato o da consultare di volta in volta, per mantenere accesa l’attenzione.

Edoardo Albinati
Velo pietoso. Una stagione di retorica
Rizzoli, 2021

“Di chi è la colpa”: smettere di vivere cercando un colpevole per chi si

“L’ ultima nota”, omaggio al mondo intimo e familiare di Ezio Bosso